Andria, Gagà per antonomasia

ff6840c0-75a3-4588-aa30-ec279ca346af.jpg

Nella nostra città vi è un mix di atteggiamenti personali, insiti nella maggior parte di noi, più o meno accentuati in ciascuno di noi; questo mix crea una figura facilmente rappresentata da un termine gutturale: il Gagà.

Proviamo insieme a capirne le sue maggiori caratteristiche: il gagà ha una postura originale, mento in alto, petto in fuori, ma soprattutto bacino verso avanti e gambe aperte. Il gagà è uomo ma anche donna: è una persona molto sicura di sè in branco, ma molto insicura fuori dal gruppo.

Esistono vari soggetti con questo mix di atteggiamenti, c’è il gagà aristocratico e il gagà fantozziano, esiste il gagà analfabeta e il gagà delinquente.

Sociologicamente, possiamo ritrovare questo atteggiamento anche nei nostri antenati che ci hanno tramandato il nostro dialetto dai mille suoni gutturali quasi a rimarcare la necessità di sentirsi gagà.

In questo modo possiamo individuare nel gagaismo tutte quelle azioni o attitudini che sono caratterizzanti del gagà.

Mentre il gagaesimo sembra esserne la religione o il mantra della gente che ne segue le sue regole.

Quindi, quello che la città di Andria sta vivendo oggi è un incremento rapido ed esponenziale del gagaismo tra i giovani che, per delle perenni problematiche sociali, riescono meglio ad individuarsi nel gagaesimo.

Il gagà di solito è diretto, è furbo o pensa di esserlo, parcheggia l’auto salendo sui marciapiedi, getta la carta dal finestrino, guida senza guardare la segnaletica, fuma gettando filtri ovunque, ha quell’aria da onnipotente, è poliglotta parla italiano e dialetto.

E’ colui che si lamenta attribuendo la colpa agli altri, senza guardare i propri errori; il gagà teenager è quello che si ubriaca a dismisura e inveisce contro, urina al primo angolo disponibile e urla a squarciagola per sentirsi migliore.

Il gagà è anche radical chic, si sente unico mentre è omologato, rimane molto superficiale, ma crede di essere ben informato; ama gli animali, ma li lascia urinare ad ogni angolo; ha il posto fisso, ma non si applica, pensa di avere la soluzione migliore, ma non si aggiorna.

Il gagà pensa di avere rispetto per gli altri, ma non ha rispetto per se stesso, ha sempre quell’aria di sfida e guarda gli altri come se a lui non potesse succedergli nulla, perché, nella sua superficialità e ignobile furbizia, crede di avere una vita migliore.


A cura di Antonio Leonetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...